“My Sweet Moon Deena” è, senza dubbio, divertimento ma anche cultura, tradizione, amore per un territorio che ha una storia (basti pensare al titolo stesso della manifestazione) importante da cui non può prescindere.

Ecco perchè, il Festival decide di ospitare, seppur in una veste differente, il progetto “Novaresi negli scatti d’epoca”, ideato dall’associazione Nuares.it; nato con lo scopo di creare un Atlante digitale della vita dei novaresi, attraverso le foto contenute nei loro archivi di famiglia.

Il progetto ha coinvolto, nel suo insieme ad oggi, una cinquantina di famiglie che hanno fornito, per la causa, oltre un migliaio di immagini; tutte catalogate e, successivamente, suddivise in categorie: Bambini, Cerimonie, Lavoro, Militari, Ritratti, Sport, Tempo Libero e Vita Quotidiana.

Le foto hanno costituito l’anima di una mostra che è già stata allestita all’Archivio di Stato di Novara, nei locali dell’Attico delle Arti e nel Salone della Prefettura e che non è il fine della ricerca bensì il mezzo, per alimentarla, con sempre nuove immagini che, nel tempo, possano costituire, appunto, l’Atlante.

Nei tre giorni del Festival questi scatti saranno presenti nel cortile del Broletto in maniera insolita: non si troverà, infatti, l’allestimento con le stampe ma un video in cui una selezione d’immagini digitalizzate sarà fatta ruotare a ciclo continuo, per fornire ai visitatori un’idea del progetto. E di una Novara del passato che, comunque, rimane nel cuore di molti anche oggi.

Chi avesse foto da mettere a disposizione della ricerca può farlo sapere con un SMS al 328.0180776 con scritto "FOTO". Verrà contattato da Nuares.it. Grazie.


Il recupero e la valorizzazione del passato ha bisogno anche delle più moderne tecnologie per l'archiviazione e diffusione dei documenti storici: le foto digitalizzate saranno visibili tramite uno schermo LCD da 70 pollici datoci in uso dalla Fondazione Novara Sviluppo.